👩‍💻 Partecipa gratis a 5 live che aiuteranno il tuo progetto online + BONUS fai analizzare il tuo Business 👉

Trasforma la tua vita e lavora da dove vuoi con la Wild Creator Academy

Viaggio in Brasile: cosa fare e vedere, consigli utili + il mio itinerario di 1 mese

Tutto ciò che devi sapere per organizzare al meglio il tuo viaggio in Brasile.

Scopri cosa vedere assolutamente, come spostarti, come viaggiare al sicuro, i costi e fatti ispirare da ogni posto che ho visitato in questo fantastico paese.

profilo-wildflowermood-170x170
Wildflowermood logo love

NOMADE DIGITALE – CONTENT CREATOR – DIGITAL MARKETING

‖ YOUTUBE +173K  ⨺ INSTAGRAM: +184K ⨺ PINTEREST +500K VISITE MENSILI ‖

 Il viaggio in Brasile rappresenta un’esperienza ricca di colori, sapori e paesaggi mozzafiato, un’avventura che rimarrà impressa nella memoria di chiunque decida di intraprendere questo meraviglioso viaggio.

Sono Francesca, in arte Wildflowermood, e ho avuto la fortuna di esplorare questo paese incredibile per un intero mese, vivendo ogni giorno come un’opportunità unica per scoprire nuove culture, incontrare persone straordinarie e, naturalmente, lavorare da qualunque angolo di paradiso in cui mi trovassi, grazie alla mia vita da nomade digitale.

In questo articolo, voglio condividere con te non solo il racconto del mio itinerario, ma anche una serie di consigli pratici e informazioni utili che ho raccolto lungo il cammino.

Dall’importanza di partire preparati, passando per le modalità di arrivo in Brasile, fino ad affrontare temi cruciali come la sicurezza, gli spostamenti interni, i costi di un viaggio così lungo, le necessità burocratiche come il visto, senza trascurare gli aspetti più divertenti, come la cucina locale, le opzioni di alloggio e le modalità di pagamento più consigliate.

Attraverso i miei occhi, ti guiderò alla scoperta di come vivere al meglio questa esperienza, rispondendo alle domande più comuni e offrendoti quelle dritte che solo chi ha vissuto in prima persona può conoscere.

Da Rio de Janeiro alle spiagge nascoste, preparati a scoprire con me il Brasile, un paese che sa essere tanto profondo quanto sorprendentemente divertente, in un viaggio che va ben oltre il turismo convenzionale.

Continua a leggere e seguimi in questa avventura.

Non ti perdere.
Questo è l'indice per questa guida:

Un mese in Brasile

Riproduci video su viaggio in Brasile e amazzonia 1 mese

Partire per un viaggio in Brasile, con la sua immensità e diversità, richiede una preparazione attenta e consapevole.

D’altronde si tratta sempre di partire per le americhe, come quando sono stata a Panama e in Costa Rica. Sono mete a più di 10 ore di volo dall’Italia!

Non si tratta solo di fare i bagagli e prendere il primo volo, ma di immergersi in un’avventura che richiede di conoscere e rispettare le molteplici sfaccettature di questo paese straordinario.

Prima di tutto, è essenziale capire come raggiungere questo Paese e quali sono le opzioni di volo migliori. La sicurezza, poi, è un tema caldo quando si parla di Brasile: ti svelerò come comportarsi e quali precauzioni prendere per godersi ogni momento senza preoccupazioni.

Gli spostamenti interni rappresentano un altro tassello importante della vostra preparazione: il Brasile è vasto, e muoversi da una regione all’altra può essere un’avventura in sé.

Un aspetto da non sottovalutare è il budget: sapere in anticipo quanto può costare un viaggio in Brasile ti aiuterà a pianificare meglio la tua avventura, senza brutte sorprese. E poi, c’è la questione del visto: non tutti ne hanno bisogno, ma è fondamentale verificare prima di partire.

Non possiamo dimenticare i piaceri del palato: la cucina brasiliana è un mondo da esplorare, ricco di sapori e tradizioni che rispecchiano la storia e la cultura del paese. Ti darò qualche anticipazione su cosa aspettarti e su come immergerti al meglio in questa esperienza culinaria.

Per quanto riguarda l’alloggio, le opzioni sono infinite, da ostelli economici a resort di lusso, passando per soluzioni più autentiche e locali.

Infine, affronteremo il tema dei pagamenti: in un mondo sempre più digitale, è importante sapere quando e dove è preferibile usare la carta di credito o il contante.

Per ora, abbiamo appena sfiorato la superficie di ciò che significa partire preparati per il Brasile.

Seguimi nei prossimi paragrafi, dove approfondiremo ciascuno di questi aspetti, per rendere il tuo viaggio un’esperienza indimenticabile, proprio come è stato per me.

Come si arriva in Brasile

Immagina di salire su un aereo, con la valigia carica di aspettative e sogni, pronta a immergerti in una cultura latina, in paesaggi mozzafiato e in una vitalità che solo il Brasile può offrire.

Per toccare il suolo brasiliano, la maggior parte dei viaggiatori, me inclusa, opta per l’aereo, mirando ai principali aeroporti internazionali che fungono da porte d’accesso al paese.

  • L’Aeroporto Internazionale di São Paulo-Guarulhos (GRU) è il più grande e trafficato, servendo da hub centrale per chiunque arrivi dal mondo intero.
  • L’Aeroporto Internazionale Galeão di Rio de Janeiro (GIG), con la sua posizione scenografica vicino alle famose spiagge e montagne, offre un’alternativa altrettanto valida.
  • Non dimenticare l’Aeroporto Internazionale di Brasilia (BSB), che, con la sua posizione centrale, facilita gli spostamenti interni;
  • e l’Aeroporto Internazionale di Salvador (SSA), perfetto per chi vuole esplorare il Nord-Est del Brasile.

Ognuno di questi aeroporti offre una varietà di voli diretti e connessioni, rendendo il tuo arrivo in Brasile il più agevole possibile.

Quando cerco un volo per il Brasile, mi affido sempre alla flessibilità e a una buona dose di ricerca. Iniziare a cercare con anticipo scovando la date meno costose, trasformando un’opportunità costosa in un’affare.

Per trovare voli economici e posti liberi per voli lowcost, ti consiglio di prenotare in anticipo, di evitare la prenotazione durante i weekend/festivi e consultare Skyscanner, dove potrai trovare i voli più convenienti del web! E non dimenticare che per risparmiare, puoi decidere di partire solamente con il bagaglio a mano (anche se è un volo lungo), come me!

Appena atterrata, l’emozione di mettere piede in Brasile è stata palpabile.

L’immigrazione è stata il mio primo incontro ufficiale con il paese: mi hanno chiesto il motivo della mia visita e la durata del soggiorno. Ecco un consiglio da viaggiatrice esperta: tieni sempre a portata di mano il tuo passaporto, il biglietto di ritorno e, se richiesto, il visto d’ingresso.

Una volta uscita dall’aeroporto, mi sono immediatamente sentita avvolta dalla calda atmosfera brasiliana.

Benvenuto in Brasile, un paese che promette di conquistarti con la sua straordinaria bellezza e accoglienza.

Sicurezza in Brasile: come comportarsi?

Parlare di sicurezza in Brasile significa affrontare un argomento delicato, ma essenziale per chi, come me, decide di esplorare questo paese magnifico.

Durante il mio viaggio, ho imparato l’importanza di muovermi con consapevolezza e rispetto, adottando alcune precauzioni che mi hanno permesso di godere al meglio ogni esperienza, senza rinunciare alla mia sicurezza personale.

Prima di tutto, è fondamentale informarsi sulle zone che si prevede di visitare: alcune aree delle grandi città possono essere meno sicure, specialmente di notte.

Ho sempre fatto una piccola ricerca prima di esplorare nuovi quartieri o destinazioni, chiedendo consigli ai locali o consultando fonti affidabili online.

Una delle mie strategie più efficaci è stata quella di adottare un approccio “low profile” durante le mie escursioni. Non esco mai portando oggetti di valore appariscenti; preferisco lasciare gioielli e accessori costosi a casa. Inoltre, il marsupio è diventato il mio miglior amico: pratico, sicuro e discreto. Al suo interno, porto solo il necessario: qualche contante, una copia del mio documento d’identità e il cellulare, che tengo assicurato con un cordino al collo e riposto nel marsupio, tirandolo fuori solo se strettamente necessario.

La comunicazione è un altro aspetto cruciale.

Prima di partire, ho attivato un piano internazionale sul mio cellulare per essere sempre raggiungibile e poter accedere alle mappe e alle informazioni di cui avevo bisogno senza dover dipendere dal Wi-Fi pubblico.

Inoltre, ti consiglio di condividere sempre i tuoi spostamenti e i tuoi piani di viaggio con qualcuno di fiducia, così che qualcuno sappia sempre dove ti trovi.

Usare il buonsenso è la regola d’oro: evito di camminare da sola in zone isolate o poco illuminate, specialmente di sera. Quando possibile preferisco usare i taxi, scegliendo sempre la sicurezza come mia priorità.

Infine, ascoltare l’istinto è fondamentale. Se una situazione non mi sembra sicura o mi sento a disagio, mi allontano senza esitare.

Ricorda, la sicurezza personale è sempre la cosa più importante, e prendersi cura di sé stessi è fondamentale per godere al meglio ogni avventura.

Seguendo questi semplici ma efficaci consigli, il Brasile si è rivelato un paese straordinario da esplorare, ricco di incontri e scoperte. Con la giusta attenzione e rispetto, anche tu potrai immergerti nella sua bellezza senza preoccupazioni, vivendo un’esperienza indimenticabile e sicura.

Gli spostamenti per il tuo viaggio in Brasile

Nel corso del mio viaggio in Brasile ho sperimentato diverse modalità di spostamento, ognuna con le sue peculiarità e vantaggi. Ecco una panoramica delle opzioni che ho trovato più utili:

  • Viaggiare in aereo: essendo il Brasile un paese di dimensioni continentali, l’aereo è spesso la scelta più efficiente per coprire lunghe distanze rapidamente. Le compagnie aeree come LATAM, Gol e Azul offrono numerosi voli interni, permettendomi di spostarmi tra le varie regioni in modo pratico e a volte economico, specialmente prenotando con anticipo.
  • Muoversi in bus: per gli spostamenti più brevi o per raggiungere destinazioni non coperte dai voli, ho optato per il bus. Il servizio autobus in Brasile è estremamente capillare e varia dal semplice pullman ai più confortevoli servizi con sedili reclinabili, aria condizionata e Wi-Fi. È stata un’ottima scelta per godere dei paesaggi e vivere un’esperienza più “locale”.
  • Noleggiare un’auto: per esplorare con flessibilità, ti consiglio il noleggio di un’auto. Questo ti permette di viaggiare senza vincoli di orari, esplorando parchi nazionali e piccole città. Tuttavia, è importante possedere la patente internazionale (che puoi richiedere in Italia presso la motorizzazione civile, qualche mese prima di partire), essere a proprio agio con la guida in contesti diversi e informarsi sulle condizioni delle strade e le regole locali.
  • Utilizzare i trasporti pubblici nelle città: nei centri urbani, ho spesso usato metro e autobus per i miei spostamenti. Sistemi come quello di Rio de Janeiro e São Paulo sono efficienti e coprono le principali zone di interesse, offrendo una soluzione economica e pratica per muoversi rapidamente.
  • Taxi e app di ride sharing: nonostante alcune riserve sulla sicurezza, ho scoperto che utilizzare app di ride sharing ufficiali e sicure, come Uber, è un modo pratico per spostarsi nelle grandi città. Tuttavia, è essenziale affidarsi solo a servizi ufficiali e controllare sempre l’identità dell’autista prima di salire a bordo. I taxi, registrati e con licenza, rappresentano un’alternativa sicura, sebbene possano essere più costosi rispetto ad altre opzioni.

Ogni modalità di trasporto ha arricchito il mio viaggio in Brasile in modo unico, permettendomi di scoprire la diversità e la bellezza di questo paese in sicurezza e comodità.

La chiave è scegliere l’opzione più adatta in base alla destinazione, al budget e alle proprie preferenze personali, senza dimenticare di mettere sempre al primo posto la propria sicurezza.

Quanto costa un viaggio in Brasile?

Quanto si pianifica un viaggio, anche nel caso di mete low cost, determinare il budget richiede di considerare diversi fattori, dato che le spese possono variare ampiamente a seconda dello stile di viaggio, delle destinazioni scelte, e del periodo dell’anno.

Per questo voglio condividere con te alcune indicazioni per aiutarti a pianificare al meglio il tuo viaggio.

  • Volo: la spesa più significativa sarà probabilmente il biglietto aereo per raggiungere il Brasile. I prezzi variano a seconda della stagione, della compagnia aerea e della flessibilità delle date di viaggio. Risparmiare su questo aspetto significa avere più budget da dedicare alle esperienze sul posto.
  • Alloggio: le opzioni di alloggio in Brasile vanno dagli ostelli economici, perfetti per backpackers e viaggiatori solitari, agli hotel di lusso. Per una camera doppia in un hotel medio, i prezzi possono variare da 30 a 100 USD a notte, a seconda della città e della stagione. Gli ostelli e le sistemazioni in condivisione riducono notevolmente questa spesa.
  • Trasporti interni: muoversi all’interno del paese può essere economico se si opta per gli autobus di lunga percorrenza o leggermente più costoso se si preferiscono i voli interni per coprire lunghe distanze. Pianificare con anticipo e scegliere il modo di trasporto in base alle distanze può aiutare a mantenere bassi i costi.
  • Cibo: mangiare fuori in Brasile può essere molto economico se si scelgono piatti locali nei mercati o nei piccoli ristoranti. Un pasto completo può costare tra 5 e 15 USD. Gli street food offrono un’opzione ancora più economica e la possibilità di assaggiare la cucina locale autentica.
  • Attività: le spese per le attività variano in base a ciò che si desidera fare. Molti luoghi naturali possono essere esplorati con un budget minimo, mentre tour guidati, ingressi ai parchi nazionali o lezioni di surf, ad esempio, richiederanno un budget maggiore.
  • Assicurazione di viaggio: non dimenticare di includere nel tuo budget un’assicurazione di viaggio completa, che può coprire eventuali spese mediche impreviste, cancellazioni o perdite di bagagli.

Serve il visto per andare in Brasile?

Capire se serve il visto per entrare in un paese è un passo cruciale nella pianificazione del tuo viaggio.

Il Brasile offre una politica di visti abbastanza flessibile per molti visitatori internazionali.

Per i cittadini di numerosi paesi, tra cui quelli dell’Unione Europea, degli Stati Uniti, del Canada e dell’Australia, non è richiesto un visto turistico per soggiorni fino a 90 giorni. Questa esenzione mi ha permesso di entrare nel paese con la sola presentazione del mio passaporto valido per almeno sei mesi dalla data di ingresso e di un biglietto di ritorno o di proseguimento del viaggio.

Tuttavia, è sempre fondamentale verificare le ultime informazioni ufficiali prima della partenza, poiché le politiche sui visti possono cambiare.

Se il tuo viaggio prevede una permanenza superiore ai 90 giorni o se vieni da un paese che non rientra nell’elenco delle esenzioni, sarà necessario ottenere un visto prima della partenza.

I visti possono variare da turistici a lavorativi o di studio, ciascuno con requisiti specifici. Per questo, consiglio di contattare l’ambasciata o il consolato brasiliano nel tuo paese per ottenere le informazioni più accurate e aggiornate su quale tipo di visto sia necessario per il tuo caso e su come richiederlo.

Se sei un nomade digitale e vuoi passare del tempo a lavorare da remoto dal Brasile, ti consiglio di leggere la mia guida sui visti per nomadi digitali, dove affronto approfonditamente questo argomento e parlo dei principali visti esistenti al mondo.

Cosa si mangia in Brasile

Il Brasile è una vera e propria festa per il palato, con una cucina variegata che riflette l’ampia diversità culturale del paese.

Durante il mio viaggio, ho avuto il piacere di assaggiare una vasta gamma di piatti, dai sapori forti delle strade di Rio alle delicate prelibatezze delle spiagge del Nordeste. Ogni regione vanta le sue specialità, ma ci sono alcuni piatti che ogni viaggiatore dovrebbe provare almeno una volta.

Uno dei miei primi incontri culinari è stato con il “Prato Feito“, letteralmente “piatto fatto”, è uno dei classici della cucina casalinga brasiliana, amato per la sua semplicità e sostanziosità. Questo pasto completo è una sorta di comfort food per eccellenza in Brasile, servito comunemente nei ristoranti per lavoratori e nelle semplici trattorie di tutto il paese. Tipicamente, il Prato Feito consiste in una generosa porzione di riso e fagioli, accompagnati da carne (spesso manzo o pollo), una porzione di farofa (una farina di manioca tostata condita), e una piccola insalata. Alcune varianti possono includere anche patate fritte o un uovo al tegamino.

La bellezza di questo piatto risiede nella sua varietà e nella capacità di racchiudere i sapori autentici del Brasile in un unico, semplice pasto, rendendolo un’opzione ideale per chi desidera provare un vero assaggio della vita quotidiana brasiliana.

Poi c’è la Feijoada, considerata il piatto nazionale del Brasile. Si tratta di un sostanzioso stufato di fagioli neri arricchito con pezzi di carne di maiale e manzo (ma esiste anche la versione vegetariana), servito tradizionalmente con riso, farofa (farina di manioca tostata), couve (cavolo) e fette d’arancia. È un piatto che incarna la storia e la fusione culturale del paese.

Non meno importante è il Churrasco, l’equivalente brasiliano del barbecue. La carne, marinata e poi grigliata alla perfezione, è semplicemente divina. Visitarlo in una churrascaria, dove i camerieri girano tra i tavoli offrendo varie tagli di carne su spade giganti, è un’esperienza che combina gusto e spettacolo.

Il Pão de Queijo, piccole palline di pane al formaggio, sono morbidi e gustosi bocconcini, perfetti in qualsiasi momento della giornata, ideali per uno spuntino veloce.

Per gli amanti del dolce, il Brigadeiro è un must. Queste piccole palline di cioccolato sono fatte con latte condensato e cacao, poi rotolate in scaglie di cioccolato. Sono la definizione stessa della felicità in un morso.

Infine, per dissetarsi, il succo di frutta fresca in Brasile è imbattibile. Dall’acidità del frutto della passione alla dolcezza dell’acai, la varietà di frutti tropicali offre un’infinità di opzioni rinfrescanti.

E non posso dimenticare la Caipirinha, il cocktail nazionale a base di cachaça, zucchero e lime, perfetto per rilassarsi dopo una giornata esplorando le meraviglie del Brasile.

Questi sono solo alcuni degli innumerevoli piatti e bevande che fanno del Brasile un paradiso per gli amanti del cibo.

Mangiare in Brasile non è semplicemente nutrirsi; è un viaggio sensoriale che arricchisce ogni esperienza di viaggio.

Dove alloggiare in Brasile

Il Brasile offre un’ampia gamma di opzioni di alloggio che si adattano a ogni tipo di viaggiatore e budget. Dall’economico al lusso, ogni scelta offre un’esperienza diversa che può arricchire il tuo viaggio in modi unici.

Gli ostelli sono l’ideale per i viaggiatori attenti al budget e per chi cerca di incontrare altri avventurieri, offrendo camere condivise o private a prezzi accessibili. I bed & breakfast e gli hotel di medio budget rappresentano un ottimo compromesso tra comfort e prezzo, offrendo camere private, spesso con colazione inclusa, e un’atmosfera più intima. Infine, i resort e gli hotel di lusso sono perfetti per chi cerca il massimo del relax e del comfort, con servizi esclusivi, spa, ristoranti gourmet e, in molti casi, splendide viste.

Per la prenotazione del tuo alloggio, consiglio vivamente di utilizzare Booking, una piattaforma affidabile che offre una vasta selezione di opzioni per tutti i gusti e le necessità. È importante leggere attentamente le recensioni degli altri ospiti prima di prenotare, poiché possono fornire preziosi insight sulla qualità dell’alloggio, la posizione e i servizi offerti.

Ecco tre opzioni di alloggio che ho trovato su Booking e che raccomando, divise per fascia di prezzo:

Economico: Che Lagarto Hostel Copacabana, Rio de Janeiro – Perfetto per viaggiatori attenti al budget, offre dormitori condivisi e una posizione vantaggiosa vicino alle spiagge di Copacabana e Ipanema.

Medio Budget: Miramar Hotel by Windsor, Rio de Janeiro – Situato sul fronte mare di Copacabana, propone camere eleganti, una piscina a sfioro sul tetto e un eccellente rapporto qualità-prezzo.

Lusso: Belmond Copacabana Palace, Rio de Janeiro – Sinonimo di lusso e raffinatezza, questo hotel leggendario offre suite spaziose, servizi esclusivi e una vista impareggiabile sulla spiaggia di Copacabana.

Pagamenti: carta o contanti?

Nella pianificazione del tuo viaggio in Brasile, decidere il metodo di pagamento è fondamentale per assicurarti un’esperienza senza intoppi. Ecco un elenco delle opzioni disponibili e dei miei consigli basati sulla personale esperienza in Brasile:

  • Carte di Credito e Debito: sono ampiamente accettate nella maggior parte delle città e delle destinazioni turistiche. Utilizzarle per pagamenti in hotel, ristoranti e negozi è conveniente e ti permette di tracciare le spese. Tuttavia, verifica con la tua banca le commissioni per transazioni internazionali e prelievi per evitare sorprese.
  • Contanti: avere una certa quantità di contanti è essenziale, soprattutto per piccole spese quotidiane come taxi, mercatini locali o in zone meno turistiche dove le carte potrebbero non essere accettate. Ricorda di cambiare denaro in valuta locale (Real brasiliano) in luoghi affidabili come banche o uffici di cambio autorizzati.
  • Bancomat: prelevare contanti da bancomat è un’opzione pratica, ma assicurati che la tua carta sia abilitata per l’uso internazionale. Controlla anche i limiti di prelievo giornalieri e le commissioni applicate dalla tua banca e dagli ATM locali.
  • App di Pagamento e Wallet Elettronici: in alcune aree urbane e stabilimenti moderni, potresti avere la possibilità di pagare tramite app di pagamento o wallet elettronici. Queste opzioni stanno diventando sempre più popolari, ma la loro accettazione non è ancora universale.
  • Sicurezza: quando usi carte o prelevi contanti, presta sempre attenzione alla sicurezza. Utilizza ATM situati in aree sicure o all’interno di banche e copri il tastierino quando inserisci il PIN. Per i contanti, porta con te solo l’importo necessario per il giorno e lascia il resto e i documenti importanti al sicuro nell’hotel.

In sintesi, una combinazione di carte e contanti è spesso la soluzione migliore quando viaggi in Brasile. Assicurati di informarti e prepararti adeguatamente prima della partenza per goderti il tuo viaggio con la massima tranquillità.

Cosa vedere in Brasile: il mio itinerario di un mese

Viaggiare attraverso il Brasile per un intero mese mi ha offerto l’opportunità di immergermi in una grande varietà di paesaggi, culture e avventure.

Lasciati ispirare da questo itinerario che abbraccia la selvaggia Amazzonia, la colorata Salvador de Bahia, l’incantevole Minas Gerais e la leggendaria Rio de Janeiro.

Questo itinerario di un mese attraverso il Brasile mi ha permesso di toccare con mano la diversità e la ricchezza di questo paese, da nord a sud.

Ogni destinazione ha raccontato una storia unica, lasciandomi ricordi indimenticabili e un desiderio profondo di ritornare.

Spero che questo itinerario possa ispirarti a intraprendere il tuo viaggio alla scoperta del Brasile, un paese che sa come entrare nel cuore e non uscirne più.

Amazzonia partendo da Manaus

L’avventura ha avuto inizio nella maestosa Amazzonia, con Manaus come porta d’accesso a questo polmone verde del mondo.

Un tour di tre giorni organizzato da Iguanatour mi ha permesso di navigare lungo i fiumi incastonati nella giungla, osservando da vicino la fauna esotica e la lussureggiante flora. La visita alla cascata Presidente Figueiredo è stata un’esperienza rinvigorente, con le sue acque cristalline che si precipitano tra le formazioni rocciose coperte di muschio.

==> Il mio viaggio in Amazzonia <==

Salvador de Bahia e dintorni

Proseguendo verso Salvador de Bahia, sono stata avvolta dalla sua atmosfera storica e dal calore della sua gente. La città è un crogiolo di cultura afro-brasiliana, con le sue chiese barocche, i mercati vivaci e la musica che risuona a ogni angolo.

Da qui, ho esplorato la Chapada Diamantina, un tesoro nascosto di montagne, valli e cascate, perfetto per escursioni e momenti di riflessione nella natura. Le isole di Morro de Sao Paulo e Ilha de Boipeba mi hanno offerto una pausa rilassante con le loro spiagge deserte e acque turchesi, mentre Itacaré ha colpito il mio cuore con le sue piccole baie e l’atmosfera surfista.

==> Cosa fare a Bahia <==

Minas Gerais

La regione di Minas Gerais mi ha accolto con la sua ricchezza culturale e storica. A Belo Horizonte, ho visitato INHOTIM, un museo all’aperto di arte contemporanea che fonde capolavori artistici con la natura circostante. Ouro Preto e Tiradentes, con i loro centri storici ben conservati, mi hanno fatto fare un salto indietro nel tempo, mentre São Tomé das Letras mi ha affascinato con le sue leggende mistiche e i paesaggi mozzafiato.

Ad Ouro Preto ho dormito al Teatro Hotel Boutique, rilassante ed immerso nel centro storico di questo paese. Te lo consiglio davvero!

==> Scopri Minas Gerais, lo stato dell’oro <==

Rio de Janeiro

Rio de Janeiro, conosciuta affettuosamente come la Cidade Maravilhosa, è stata l’ultima tappa del mio viaggio in Brasile. Questa città ha qualcosa di magico, una vitalità e un fascino che si avvertono non appena si mette piede sul suo suolo.

Passeggiare per i quartieri di Lapa e Santa Caterina è stato come entrare in un altro mondo.

Lapa, con i suoi archi, l’iconica arte di strada e la vita notturna, sa come trascinarti in serate danzanti che sembrano non finire mai.

Santa Caterina, con le sue stradine acciottolate che portano al mare e le case color pastello, è il cuore bohémien di Rio, dove artisti e musicisti danno vita a un’atmosfera vibrante e creativa.

Le spiagge di Copacabana e Ipanema sono state il palcoscenico di giornate indimenticabili, dove il sole brasiliano bacia la sabbia fine e il mare cristallino invita a tuffarsi senza esitazione. Copacabana, con il suo lungomare curvilineo, e Ipanema, famosa per il tramonto sul Morro Dois Irmãos, offrono un’immagine di Rio che è diventata iconica in tutto il mondo.

Non meno impressionanti sono state le visite alla statua del Cristo Redentore, che domina la città dal Corcovado con un abbraccio protettivo, e il monte Pan di Zucchero, capace di togliere il fiato per la sua bellezza senza eguali.

Ma è stato il Carnevale a catturare l’essenza della gioia e dell’esplosiva cultura brasiliana.

I Blocos di strada, con la loro musica coinvolgente e i costumi colorati, hanno trasformato la città in un palcoscenico a cielo aperto, dove tutti sono invitati a danzare e festeggiare. Le notti a Lapa, con la sua atmosfera elettrica, e l’indimenticabile esperienza al Sambodromo, dove ho assistito alle sfilate delle scuole di samba, hanno rappresentato l’apice di questo viaggio, celebrando la vita in un tripudio di colori, musica e allegria.

Questa città meravigliosa ha lasciato un’impronta indelebile nel mio cuore, ricordandomi che, non importa dove ci porti il viaggio, è lo spirito con cui lo viviamo a renderlo veramente straordinario.

Pensieri per concludere

Il Brasile è un paese di contrasti sorprendenti, dove la natura incontaminata incontra metropoli pulsanti di vita, e la storia si intreccia con la modernità in un mosaico di esperienze che toccano l’anima.

Viaggiare qui non significa solo spostarsi da un luogo all’altro, ma immergersi in una cultura ricca e accogliente, che insegna il valore della gioia, della condivisione e della vita vissuta con passione.

Attraverso questo articolo, ho voluto condividere non solo un itinerario, ma una serie di esperienze che spero possano ispirare altri a esplorare il Brasile con occhi curiosi e cuore aperto.

Che si tratti di navigare nell’Amazzonia, di perderti nelle strade storiche di Ouro Preto, di rilassarti sulle spiagge di Boipeba o di danzare al ritmo del Carnevale di Rio, il Brasile ha qualcosa di magico da offrire a tutti.

Che fare ora?

Per oggi è tutto.

Alla prossima destinazione di viaggio.

Stay wild!

Wild Creator Academy

Un percorso a 360 gradi per avere successo online

10 Corsi

+25 Ore

Wild Creator Academy

Un percorso a 360 gradi per avere successo online

10 Corsi

+25 Ore

DAI VITA AL LAVORO DEI TUOI SOGNI

PARTECIPA GRATIS ALLA PASSION WEEK:

La Passion Week è un programma di 7 giorni, dove imparerai a guadagnare grazie alle tue passioni.

Continua a leggere altre guide di viaggio